Programa


Italia (italiano-inglés)

Fecha: 5 Septiembre 2019 de 14:30 a 16:15

Tipo: Talleres

Conductores: Angela Sordano


Groups with adolescents: the leader’s function to let the group survive


Social media languages, trauma dissociation, multiculturality, gender identity  define in a new way the forms though which adolescents front their individuation task.

These variations from the past forces the  group  leader (director/conductor) to research technical approaches able to overcome  the limits in symbolization and mentalization born from the low experience in “meeting the others”.

The workshop has the goal to put in evidence the main technical leading choices able to increase the intersubjective process though which each adolescent can reach a new self image and  experience the self agency.

The technique of conduction mixes a group analytic approach and Jungian psychodrama. The leader works on the “here and now” in the group; he does not give any individual verbal interpretation. The “psychodramatic scene” has the goal to introduce the ability to differentiate reality and representation, because on this boundary, adolescents often enact (Bromberg) their inner world. The intersubjective perspective, applied to the group, is based on the construct that the change in the personality structure is linked to the interaction with the others: affective regulation, reflective thinking, empathy, shared representations . In the group, the adolescents let emerge parts of the self, linked to the group configuration.

 The concept of Group configuration focuses the attention on the special synchronization within the individuals around a relational pattern. The “one’s personality” can be considered at the same time an inner group of self-states(Berman, A.,2014)

In this perspective , the  dynamic in the group as a whole is based on the  field of the  intersubjective integration of different self-states.

In our experience, children’s and adolescents groups have some specificity, mainly about the leader’s role.  For example, the children try to keep themselves longer in a dependent position from the leader- as an adult,  while in the adolescents ‘groups the leader  experiences very early the feeling to be excluded.  This different leader’s position has obviously to do with the parental transference on the leader. Anyway, this parental projection has not only the characteristics of the inner parental objects, but also something related to a transpersonal symbolic function emerging from the group developmental phase,  that gives a direction to the members’ enactment. How the leader’s interprets his/her role becomes particularly relevant in the developmental group process (Harwood, 1998).

 The group  configuration defines the interdependence within leaders’ function, peers interactions, individual and the archaic symbolic process that connotes the field of their interaction .

The main aspects that will be treated:

  • the role of the group action (the group as a whole)
  • the function of the object as symbolic mediator
  • the role of the symbolic scenario and its rituals
  • the function of the leader’s creativity and flexibility

Grupos con adolescentes: la función del líder para hacer que el grupo sobreviva. -

I linguaggi dei social media, la dissociazione traumatica, la multiculturalità, l’identità di genere definiscono, oggi, in maniera differente le forme attraverso le quali gli adolescenti  fronteggiano il loro compito individuativo.

Queste variazioni dal passato costringono il conduttore di gruppo a ricercare approcci tecnici in grado di superare i limiti nei processi di simbolizzazione e di mentalizzazione derivanti dalla scarsa esperienza dell’ ” incontro con gli altri”.

Il workshop ha lo scopo di mettere in evidenza le principali scelte tecniche nella conduzione che favoriscono lo sviluppo di quel  processo intersoggettivo, attraverso il quale ogni adolescente può costruire una nuova immagine di sé e sperimentare una “self agency”(saper fare).

La tecnica di conduzione integra la teoria gruppo analitica con quella psicodrammatica junghiana.

Il conduttore lavora sul “qui ed ora” nel gruppo; non dà interpretazioni  verbali individuali. La “scena psicodrammatica” ha lo scopo di favorire la capacità di differenziare realtà e rappresentazione, in quanto riflettendo su questo confine l’adolescente mette in atto il proprio mondo interno.

La prospettiva intersoggettiva, applicata al gruppo, si basa sul costrutto che il cambiamento nella struttura di personalità è legato all’interazione con gli altri: regolazione affettiva, pensiero riflessivo, empatia, condivisione delle rappresentazioni. Nel gruppo, gli adolescenti mettono in scena parti del sé sollecitate dalla configurazione gruppale.

Il concetto di configurazione di gruppo si focalizza sulla specifica sintonizzazione tra gli individui creata dal pattern che unisce tutti gli stati del sé parziali, poiché la personalità dell’uno può essere considerata nello stesso tempo un gruppo di “ stati del sé” (Berman, 2014).

La dinamica del gruppo come insieme connette il campo del sé personale,  di ciascun partecipante, in maniera intersoggettiva.

Nella nostra esperienza, i gruppi con bambini e adolescenti presentano delle  specifiche dinamiche, in particolare per quanto riguarda la funzione attribuita al conduttore.

Per esempio, i bambini tendono a mantenersi in una posizione dipendente dall’adulto più a lungo, rispetto a quanto accade nei gruppi con adolescenti. Tale differenza è da ricondurre all’attribuzione  delle specifiche dimensioni genitoriali determinate dalla fase evolutiva.

Come il conduttore interpreta il proprio ruolo  diventa particolarmente rilevante nello sviluppo del processo di gruppo (Harwood,1998).

La configurazione di gruppo definisce, quindi, l’interdipendenza tra la funzione del conduttore, interazione tra i pari e il processo arcaico che connota il campo di interazione.

I principali aspetti che saranno messi in evidenza:

a- il ruolo dell’azione di gruppo (il gruppo come totalità)

b- la funzione dell’oggetto come mediatore simbolico

c- il ruolo dello scenario simbolico e dei suoi rituali

d- la funzione della creatività e della flessibilità del conduttore.

Who shall survive?
IAGP International Psychodrama Conference 2019

4/9/2019 - 8/9/2019, Iseo (BS) - Italy

Conferencia finalizada

5 Días

147 Relatores

157 Eventos

360 Asientos

Últimas Noticias

Información de la conferencia

Estimado partícipe, queremos darle información sobre la próxima 2nd IAGP Psychodrama Conference y 8th Psychodrama Congress. Al registrarse, se le entregará una bolsa con materiales de la Conferencia y  una tarjeta de identificación personalizada, que le pedimos que use siempre dentro del instituto. PRE-CONFERENCIA Si está registrado en la Pre-Conferencia, su inscripción tendrá lugar directamente […]

Workshop preview #107

Fabian Blobel (Germany) – Luigi Dotti (Ita) – Stefan Flegelskamp – (Germany-Swiss) Angela Sordano (Ita) – Rebecca Walters (USA) Symposium – English – Italian “Working with children” (psychotherapy, care and education) “Lavorare con i bambini (psicoterapia, cura ed educazione)” Abstracts Rebecca Walters – USA Sociodrama with Children’s Groups. Sociodrama, like Psychodrama, is a way for […]

Workshop preview #106

Carlos Maria Menegazzo (Argentina) Simposium – Spanish – Italian Partiendo de nuestros tiempos apocalípticos y de revelación, recordemos los finales y principios de milenios de la humanidad. En todos ellos, a pesar de grandes decadencias siempre hubo “sociedad sensible y critica” que fue sembrando renacimiento. Según astrólogos y metafísicos, el próximo renacimiento ocurrirá en el […]