News

Workshop preview #59

31 May 2019 at 14:51

Share  

Antonino Enia (Italy)

Simposium – Italian

Antonino Enia psicoterapeuta ASP Palermo psicodrammatista A.M.P.
Psicodramma micro
Nel presente lavoro si è cercato quale potesse essere il metodo che, costruendosi spontaneamente , si mostri più adatto per un determinato gruppo, sforzandosi di iniziare e procedere senza idee preconcette e non sapendo, neanche il conduttore, dove si sarebbe arrivati e se si fosse giunti a delle conclusioni, che, per precisione, non erano neanche previste all’inizio. La nostra società attuale è protagonista di forti cambiamenti ed acquisizioni scientifiche che, sempre più penetrate nella mente e nell’immaginario degli uomini, ne condizionano il pensiero e le aspettative sconvolgendone i parametri di riferimento e mettendo in forte difficoltà specialmente la parte affettiva intuitiva a contenerli ed assimilarli.
La facile possibilità di accedere a notizie scientifiche, ha favorito una consapevolezza muta della nostra relatività, del fatto di risiedere forse in un macrosistema a noi non conosciuto, in attesa di non avere più consapevolezza di esistere o di qualcosa di incontrollabile, con produzione di una insicurezza e fragilità elevate a potenze estreme.
Si è cercato nuove espressioni, se ce ne fossero, per lo psicodramma partendo dal lavoro con soggetti provenienti, prevalentemente, dalla dipendenza, a volte con vissuti di violenza. Obbiettivo in corso sia appoggio analitico e crescita personale per i partecipanti, sia il modellamento spontaneo del metodo, come entità vivente, con finalità che aderisca, come acqua, ai teatri interni ed al teatro manifesto. Con l’biettivo di fondo, anche se superfluo, di verificare la validità della modalità, anche in situazioni di alterazione delle regole, si è considerato lo psicodramma come un ente , date le sue peculiari caratteristiche di duttilità, capace di dialogare con il gruppo e di lasciarsi modificare dall’inevitabile scambio di informazioni, che avviene quando due sistemi si incontrano.
Considerando il particolare periodo di cambiamento epocale si sono adottate alterazioni e forzature degli assiomi fondamentali alla ricerca di un evoluzione spontanea che possa a mio parere riallineare lo psicodramma alle acquisizioni scientifiche e culturali negli ultimi anni immesse velocemente, senza possibilità di elaborare, sul grosso pubblico. Si sono studiate modalità diverse sia nella conduzione sia nel setting stesso, sforzandosi di registrare ciò che scaturiva dall’inevitabile evoluzione spontanea del gruppo. Si è fatto in modo che i partecipanti potessero sentirsi liberi di partecipare ad una sola seduta o tutte o quando potevano, dando ad ogni incontro sia una valenza autonoma conclusiva di un acquisizione, sia una continuità con gli altri, registrando la costruzione di un percorso, non programmato Si è lavorato in micro gruppo con utilizzo e rielaborazione del materiale portato dagli altri, inserendo la del caso. Si è cercato di esasperare le regole dello psicodramma favorendo la possibilità di rivisitare materiale portato da altri componenti del gruppo, mantenuto ad un numero limitato di tre quattro persone , massimo cinque, composto . Nella nostra epoca troppo veloce penso che l’uomo abbia perso la possibilità di dare un significato alla propria vita e sia diventato uno strumento, un tassello nel mercato consumistico. Lo psicodramma ha intrinsecamente le componenti essenziali dell’umanità stimola e risveglia il volere bene a se stessi ed agli in un contesto comunitario relazionale garantito sia dalla del gruppo che ricorda la sacralità del themeros greco, sia dai rituali che avvengono nello stesso. Nella apparente confusione e trasgressione dei giochi, ha, in sé, non solo una solida struttura che favorendo il dialogo delle quattro funzioni favorisce il lavoro analitico, ma anche di una, non scientificamente provata, memoria dell’acqua che gli permette di interrogarsi e sconvolgersi garantendo contemporaneamente la crescita.


Who shall survive?
IAGP International Psychodrama Conference 2019

4/9/2019 - 8/9/2019, Iseo (BS) - Italy

Time left

5 Days

127 Speakers

29 Events

360 Seats

Last News

Workshop preview #78

Irina Stefanescu (Romania) Workshop – English – French Activate the Survival & Thriving Net with Sociodrama! After months of rambling, research, travels, despair and big spendings, a mother finds out her son has Dravet epilepsy. After almost one year since the diagnostic, she finds her way to support her child and keep him alive. She […]

Workshop preview #77

Who survives? The workshop will explore the elements, which enable a person to survive difficult, expected and unexpected situations that life encounters. What helps a person to cope with loss, with crisis, with change? When we are looking at survival from the perspective of the natural sciences, we relate to the strong who survives. However, […]

Workshop preview #76

Maurizio Gasseau (Italy) Simposium – English – Italian RITUALS AND DREAMS IN THE WORK OF PEACE BUILDING AND CONFLICT TRANSFORMATION ON COLLECTIVE TRAUMA Maurizio Gasseau FEPTO Task Force for Peace Building and Conflict Transformation The FEPTO Task Force for Peace Building and Conflict Transformation was founded in Vienna in 2005. The Task Force organizes seminars […]